Hai detto Baku? Intervista doppia con Dam Verri e Gionny Zampolli.

Hai detto Baku? Intervista doppia con Dam Verri e Gionny Zampolli.

Hai detto Baku?
Già ho detto Baku.
Capitale dello stato che di per sé è già un bastardissimo sciogli-lingua, nonché una garanzia assoluta di errore ortografico, l’Azerbaijan o Azerbaigian o come volete voi.
Ho detto Baku perché qui si stanno svolgendo i primi European Games della storia, una specie di surrogato (senza offesa) olimpico per il nostro continente.
30 discipline di cui 24 olimpiche ed una compagine azzurra tra le più nutrite, con 284 atleti guidati dalla portabandiera Giulia Quintavalle (Judo).

Tra le discipline non olimpiche, il Beach soccer, la Bmx, gli scacchi e come ciliegina sulla torta (ovviamente per noi malati della palla a spicchi) la pallacanestro.
Già ma non quella pallacanestro tutta parquet e 5 contro 5 che state immaginando, ma il basket da strada, lo street-ball, quello dei campetti estivi con gli amici, quello tutto trash talking e insulti, quello della birretta sacra quando si è finito di giocare, quello 3 contro 3 appunto.

Dal 23 a 26 di Giugno si svolgerà la competizione maschile di Basket 3×3 ed i nostri azzurri saranno presenti.

Per noi di LatoB è stato un po’ complesso capire come un passatempo così profano e quotidiano potesse divenire addirittura una disciplina così “seria” tanto da portare 4 ragazzi  in Azerb… a Baku a rappresentare il proprio Paese.
Per chiarirci le idee abbiamo disturbato due di questi quattro azzurri pronti a decollare alla volta dei primi giochi Europei della storia.

Li abbiamo torchiati a dovere con la nostra solita mania di cazzeggiare e di dissacrare il senso stesso dell’intervista ed abbiamo pure raddoppiato.
Chiediamo scusa in anticipo, fiduciosi nel vostro affetto incondizionato, ecco a voi i risultati.

1) Partiamo con una domanda da un milione di dollari, come si scrive AZERBAIGIAN (vietato cercare su google)

Dam-VerriD: Azerbaijan…non ho guardato giuro, infatti probabilmente ho sbagliato, ma di solito sui documenti è abbreviato AZE, quindi sono scusato.

Gionny-ZampolliG: Con la J! Ma solo perché ho risposto di recente a una domanda di Trivia Crack.. 😀


2) Primi giochi europei nella storia, quanta è l’emozione di rappresentare l’Italia.

Dam-VerriD: Tantissima, ma più che emozione è un onore, credo che vestire la maglia della nazionale sia l’ambizione massima di ogni sportivo, qualunque sia la pratica disputata. anche perché il gradino successivo, e ultimo, è andare a medaglia.

Gionny-ZampolliG:È il massimo a cui può aspirare un atleta in ogni disciplina; un vero onore ed un privilegio.


3) Assieme ad altri tre ragazzi fate parte della nazionale di basket 3vs3 italiana, quando è iniziato questo progetto? Ci sono state delle selezioni per arrivare fin qui?

Dam-VerriD:Credo che al progetto sia la FISB che la FIP stiano lavorando da molto tempo, per noi è iniziato a febbraio, conta convocazione al primo raduno a Rimini (32 atleti) e quello successivo a roma (24 atleti), tutti giocatori che avevano già preso parte negli anni passati ad eventi di 3×3 .

Gionny-ZampolliG:La FISB e la FIP hanno collaborato per dare una dimensione nuova al 3×3; è uno sport in crescita e stanno cercando di spingerlo coinvolgendo tanti atleti che giocano a pallacanestro in categorie importanti…è stato, a mio parere, un passo decisivo.

4) Sembra un sogno, 3vs3, immagino fosse per voi un passatempo estivo tra campetti e tornei con amici. Da questo a Baku assieme ad altri 6000 atleti per rappresentare l’Italia, non vi sembra di esagerare?
Dam-Verri
D: è una grande opportunità che ci si è presentata davanti e che intendiamo sfruttare al meglio, anche per far conoscere questo movimento e promuovere il 3×3 in tutt’italia, dove purtroppo è ancora molto sconosciuto rispetto agli altri paesi europei.

Gionny-ZampolliG: Nella tua domanda c’è un sorta di giudizio velato su questa disciplina…ed è proprio quello il nodo da sciogliere…finché verrà considerato in questo modo faremo fatica noi italiani a competere contro altre nazioni,come per es. la Serbia…che fa di questo sport la propria professione…In Italia spesso ai campetti ci vanno quelli che non sono riusciti ad esprimersi,per mille ragioni, nel proprio campionato…e si rifugiano lì…negli States è il contrario…dal campetto vanno sui grandi palcoscenici.
Altro mondo.Altra mentalità.

5) Entrambi avete disputato due ottime stagioni nel campionato di Serie B. La stagione regolare è sufficiente come allenamento per questo evento o avete seguito una preparazione particolare?

Dam-VerriD: Sicuramente la stagione regolare ti permette di arrivare all’estate pronto e allenato, e dopo qualche giorno di riposo ci siamo allenati preparandoci al meglio, cercando di colmare la difficoltà nel trovarci in campo, che è il Gap più grosso attualmente.

Gionny-ZampolliG: La stagione serve perché ti permette di avere una base fisico-atletica importante…però il 3×3,fatto con le regole FIBA,è un altro sport,con un’altra palla…e quindi bisogna fare  più tornei possibile

6) Estonia, Serbia e Grecia per cominciare. Avete idea degli avversari che incontrerete? Favorite?

Dam-VerriD: Conosciamo gli avversari che incontreremo, abbiamo visionato alcune partite dei futuri avversari per cercare di carpire qualcosa dal loro gioco, e sicuramente i favori sono i Serbi, non solo nel nostro girone ma nell’intera manifestazione, essendo i campioni del mondo in carica e i giocatori attualmente più forti sul circuito mondiale 3×3.

Gionny-ZampolliG:La Serbia su tutte, essendo la più forte del mondo,al momento.La Grecia dicono essere molto forte. L’Estonia un mistero per me.

 

7) Passiamo a parlare di cose serie. Pensando alla marea di atlete presenti e ricordando il motto “italians do it better”. Siete carichi o…. fidanzati?

Dam-VerriD: Tutti impegnati e felici…speriamo che il “do it better” sia sul campo.

 

Gionny-ZampolliG: Guarda io sono fidanzato e innamorato per cui passerò la mano. 

8) A breve smetterò di stressarvi lo prometto. Parlatemi un po’ del vostro compagno.

– due pregi in campo del tuo compare.

Dam-VerriD: la lucidità durante il gioco e trova sempre un consiglio o un suggerimento per i suoi compagni”

Gionny-Zampolli
G: È un ottimo atleta e non molla mai in campo; pur essendo così alto riesce ad essere rapido e può stoppare chiunque.

– due difetti (non siate timidi)

Dam-VerriD: 
faccio fatica a trovare difetti, è un compagno che ho sempre ammirato e valutato molto forte, quindi non saprei come risponderti.

Gionny-ZampolliG: Penso si sottovaluti come giocatore, è troppo buono.

9) Un piccolo quiz.

– la tua miglior qualità in campo:

Dam-Verri
D:la mia elevazione che mi permette di lottare sotto canestro

Gionny-ZampolliG: Sicuramente l’1vs1


– il tuo peggior difetto in campo :

Dam-Verri
D:quando non riesco a fare ciò che voglio mi si chiude la vena

Gionny-ZampolliG: A volte abuso del palleggio

– potessi portare un giocatore NBA (anche non europeo) chi prenderesti?

Dam-Verri
D: Blake Griffin

Gionny-ZampolliG: Westbrook, lo adoro. In Italia gli fischierebbero 800 sfondamenti.

– potessi portare un giocatore del campionato italiano?

Dam-VerriD:Pat (Mio fratello)

Gionny-ZampolliG: Manderei Gentile, grande talento.

 

10) Ultima domanda. Tra un paio di mesi i vostri colleghi disputeranno i campionati europei.
Obiettivo medaglia e pass olimpico per Rio è possibile?

Dam-Verri
D: Avranno un duro compito, non sarà facile, sia medaglia che pass per Rio, ma sono sicuro che lotteranno con tutto quello che hanno dentro per dare il meglio ed onorare la maglia che indossano.

Gionny-ZampolliG: tutto dipende dalla chimica tra i nostri NBA…ognuno di loro deve fare un passo indietro. Se così fosse avremmo buone chance.

 

Grazie ragazzi, in bocca al lupo, spaccate tutto!
Passo e chiudo. 



Related Articles

I Can’t Breathe. Cronaca di un Paese soffocante.

Prima pagina venti notizie, ventuno ingiustizie e lo Stato che fa? Si costerna, s’indigna, s’impegna poi getta la spugna con

Long Live the King.

La testa mi dice “aspetta”, il cuore mi dice “buttati”. Ascolto il secondo, abbandono qualsiasi velleità di imparzialità e di

Commento a caldo, pubblicato a freddo: ITALBASKET.

Purtroppo non è stata la migliore prestazione per l’Italbasket, ma la sensazione è che anche producendo il massimo sforzo, questo

nessun commento

scrivi un commento
ancora nessun commento puoi esser il primo a commentare questo articolo!

scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
i campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo*