In(CHINA)tevi agli USA!!!

In(CHINA)tevi agli USA!!!

Che mondiale, che pallavolo e che emozioni … immagino quanto siano ripetitivi i miei articoli in questo periodo, ma per fortuna vostra il mondiale è finto!!!
Al Forum di Milano nelle giornate di sabato e domenica si è consumato del gran volley, il nostro cuore tutto azzurro ci ha creduto in quel quarto set contro una Cina a dir poco perfetta e devastante, con Diouf e Del Core che facevano venire voglia di essere in campo ad esultare con loro; le “ragazzine” asiatiche impeccabili nella semifinale in ogni fondamentale hanno davvero difeso ogni palla, nella finale però non son state in grado di ripetersi cedendo contro degli Usa che hanno mostrato un gioco con delle velocità da Formula1, con dei terminali d’attacco che facevano venire il mal di testa a tutti, comprese le brasiliane nella semifinale.
Di giocatrici interessanti, futuribili, veterane e nuove scoperte se ne parla di continuo perché siamo nell’èlite di questo sport ed è normale, ma quanto è difficile saper gestire dei campioni, in questo caso delle campionesse?
E’ stata la finale dei grandi ex giocatori che son dovuti “stare in panchina”, loro che nelle carriere da atleti di panchina devono averne vissuta davvero poca:
nati entrambi nel 1960 ed entrambi insieme al nostro Lorenzo Bernardi son stati premiati come i migliori giocatori del XX secolo:
Karch Kiraly medaglia d’oro indoor alle olimpiadi e medaglia beach olimpiadi;
Jenny Lang Ping oro in due coppe del mondo,oro in un olimpiade e in un mondiale (ottenendo poi già svariati risultati e medaglie come allenatrice)
Rubo la frase di un’amica “Non è la regola, vedi Velasco, ma comunque non è un caso che sulla panchina delle due finaliste ci siano due ex grandi giocatori” è sicuramente una frase da sminuzzare e chiarire nelle sue sfumature: l’essere un gran giocatore non implica essere un bravo allenatore, ma se fai di tutto per saper allenare bene e dentro quelle magliette ci hai pure sudato i migliori anni della tua vita, beh secondo me non puoi che andar davvero lontano.
Saltando da un argomento all’altro voglio concludere dicendo GRAZIE a questa Italia che ha ospitato una manifestazione così bella e importante,GRAZIE al mondo della pallavolo di esser composto da persone sportive nel senso migliore della parola e di esser il meraviglioso ambiente di cui faccio parte ma soprattutto GRAZIE alla nostra nazionale.
Si, grazie a questa nazionale che con un mix di veterane e giovani ci ha fatto sognare, ci ha mostrato il bello del volley in ogni sua sfaccettatura e anche se la medaglia non è arrivata, ci avete tenuti attaccati allo schermo come dei bambini davanti ad un cartone animato, e se c’è qualcosa di sano che appassiona ancora i “grandi” in questo mondo allora non possiamo che dire di aver vinto questo mondiale noi del volley!
Non dimenticateci ora…
allenatore usa allenatrice cina

usa volley



Related Articles

Francesca Marchese: “La mia vita da addetta stampa all’Impavida Sieco Service Ortona”

Impavida Sieco Volley Ortona: la pallavolo orgoglio d’Abruzzo. Una storia che inizia nel 1968 come squadra di oratorio, guidata da padre

IO SENZA DI TE… MAI…

Era una sera di maggio, precisamente l’ultima di campionato, una di quelle sere in cui in base alla tua posizione

Ci son fenomeni e fenomeni… chi lo fa, chi si sente e chi lo è!

Ho visto atleti fisicamente impressionanti ma svogliati… Ho visto atleti grandi negli atteggiamenti ma piccoli in campo… Ho visto atleti

nessun commento

scrivi un commento
ancora nessun commento puoi esser il primo a commentare questo articolo!

scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
i campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo*