“Io e la mia signorina, stiamo bene insieme..”

“Io e la mia signorina, stiamo bene insieme..”

La storia che vi sto per raccontare non è altro che una storia d’amore.
Questa però è la storia di un amore certamente non tutto rose e fiori come si dice, una storia un pò controversa piena di controindicazioni, ma come tutti sappiamo, queste lasciano il tempo che trovano quando il fuoco della passione è acceso.
Michael è un ragazzotto del Maryland e visto che in questo blog parliamo spesso di sport, anche questa volta non facciamo eccezione, già, perchè Micheal è uno di quegli esemplari che sembrano messi al mondo con uno scopo ben preciso, e con tutto il necessario per raggiungere questo scopo.
Michael è il protagonista maschile della nostra “love story”, e fin da adolescente dimostra uno straordinario talento nella pallacanestro, detta legge tra High School e College con uno strapotere fisico e tecnico quasi imbarazzante.
Sempre in quel periodo conosce una provocante ed affascinante ragazza che fà letteralmente girare la testa a molti ragazzi del suo quartiere, è irresistibile e lui è convinto di avere su di lei l’esclusiva, ma non si rende conto di esserne schiavo.
Questa dolce fanciulla si chiama Maria, lo distrae in continuazione e gli impedisce di imboccare la strada giusta, tarpa le ali al suo talento fuori da ogni logica e lo tiene ancorato a terra.
Un suo amico d’infanzia, Kevin, anche lui ama la palla a spicchi e riesce anche piuttosto bene nel gioco, a differenza del nostro Mike però sembra aver capito che Maria non fà per lui ed ha le idee ben chiare.
Ma l’ammirazione per Michael è troppa, vorrebbe giocare come lui:
“Se solo avessi metà del suo talento…”
Eh già, Michael va a Kansas State University, sigla il record di doppie-doppie in una stagione (28), ridicolizzando il precedente primato di 22 appartenente a nientepopòdimenoche Carmelo Anthony.
Però il cuore di Michael è ancora tutto per Maria, non riesce a scrollarsela di dosso, nonostante parenti e amici cerchino di portarlo lontano da lei;a causa sua incorre anche in problemi con la giustizia, spesso, troppo spesso..
Intanto il suo amico Kevin sembra aver capito quale strada prendere, e la percorre anche piuttosto bene, Texas University,
n°35…
Michael in NBA entra comunque dalla porta principale, quello che fà sul parquet sembra prevalere sulla sua condotta nella vita privata, seconda scelta assoluta Miami Heat.
La sua love story non tramonta e la sua carriera non ingrana..
Questo accadeva ormai 6 anni fà, di squadre ne ha cambiate tante, i risultati sempre abbastanza scarsini per uno come lui.. Ha pure giocato qualche minuto di “garbage time” in una Nba Final, ma non fatevi ingannare… poco più di una comparsata.
Da qualche tempo non si hanno più notizie della sua amichetta Maria, magari non occupa più tutti i suoi pensieri, ma con assoluta certezza vi posso dire che ha già fatto abbastanza.
Per quanto riguarda l’amichetto Kevin, il gracile e inoffensivo Kevin… Sembra quasi crudele parlarne qui.. sarò breve e stringato: MVP.
I più appassionati avranno già capito chi sono i protagonisti di questa telenovela:
– Michael, all’anagrafe Michael Paul Beasley, circa 5000 punti in 6 anni di carriera Nba e poco poco poco poco altro.
– Kevin di punti in 7 anni di carriera ne ha segnati quasi 13000, ha vinto un oro olimpico, un oro mondiale, un titolo di MVP, 77 titoli di miglior realizzatore e presto vincerà il suo primo meritato Anello; e per quanto riguarda il cognome? Mi avvalgo della facoltà di non rispondere.
– E Maria? o Marija che dir si voglia, son convinto sappiate tutti di chi sto parlando, prometto che non farò la spia con i vostri genitori.

Passo e chiudo

durant-beasley-2



Related Articles

Contenders: Memphis Grizzlies

Grit&Grind. Grizzlies. Traduciamo volgarmente con, Frantumare, Determinazione.. E Grizzlies, Memphis Grizzlies. Questo è il motto della franchigia del Tennesse e

Due pensieri cestisti senza spoiler

1: anche green fece la serie della vita nel 2013 come dellavedova oggi in modo diverso ma gara 6 e

Storia di un ossessivo: Kobe Bean Bryant

Secondo la classificazione del DSM-IV TR, il disturbo ossessivo compulsivo (conosciuto anche come DOC o OCD in inglese), è un

nessun commento

scrivi un commento
ancora nessun commento puoi esser il primo a commentare questo articolo!

scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.
i campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo*